Show Reel Led Animation 2015

Il mio Lavoro

Una piccola raccolta delle mie produzioni.


Su di me

Conoscimi & apprezzami (se mai fosse possibile).

Sarei io...
Serafino Filoni

Serafino Filoni

Mi presento rapidamente, lavoro da uno svarione di anni nel campo della grafica televisiva e nell'illustrazione digitale. Ho cominciato svolgendo semplici compiti da designer digitale nel 1987. La grande varietà di offerta nel campo della videografica mi porta in continuazione a nuove soluzioni e in rapida evoluzione dell'espressione visiva. Il mio inizio si racconta come un avvicinamento, neanche tanto scioccante, dalla carta al computer. Un amore a prima vista. Personalmente mi piace affrontare ogni nuova sfida col timore dell'inappropriatezza e con il coraggio delle conoscenze acquisite negli anni. Non amo dire "non si può fare", adoro affermare "vediamo dove si nasconde la soluzione". Io la penso così, ogni nuova idea ha solo bisogno di essere tradotta in "era semplice"

Ed ecco il CV 2017

Se vi interessa approfondire, o la curiosità vi attanaglia le interiora, potete scaricarvi il mio Curriculum Vitae. Comodamente seduti.

Informazioni specifiche

Per quanto legato amorevolmente alla matita e al rumore della grafite sulla superficie semiruvida di un foglio di cellulosa, amo rendere digitale il mio lavoro con tutti i programmi che mi propongono una soluzione il più vicino possibile alla mia immaginazione. Uso programmi pittorici come Adobe Photoshop, Corel Painter, Mischief, ma anche Illustrator o SketchBook Pro. Non mi lego mai a un singolo software, ogni illustrazione ha una propria necessità. E io la cerco. Sempre.
Considero le animazioni un contenitore infinito di tecniche, per questo non mi limito al movimento, ma vado in cerca dell'espressione dell'azione. Per l'animazione classica prediligo sotware dedicati come TvPaint Animation o Toon Boom, molto utili per la velocità di elaborazione. Lo sviluppo dell'animazione in 3D mi offre diverse strade. Ultimamente lavoro con Cinema 4D, ma ho toccato con mano l'articolata complicatezza di 3D Studio Max e la malcelata eleganza di Maya. Insomma, ogni strada è aperta, e a me piace viaggiare.
Il video editing è una necessità. Inutile creare sequenze e animazioni, se non si è in grado di svilupparne il seguito. Ogni video ha necessità variabili e un video-designer ha l'obbligo, io credo, di non lasciarsele sfuggire. Il compositing, il visual fx, ma anche la graphic animation, la titolazione, tutto quello che comporta un editor e un grafico nello stesso momento, hanno un punto di riferimento: l'abilità del grafico. Per cercare di esserne degno uso la suite Adobe, e altre soluzioni, ma la lista è lunghetta.

La Ragione

La ragione non sovrasta mai l’immaginazione, mentre l’immaginazione spodesta frequentemente la ragione.

Blaise Pascal (filosofo)

Restiamo in contatto

I nuovi clienti sono sempre apprezzati. Per il coraggio (ovviamente).

Dettagli di contatto

  • serafinofiloni@yahoo.it
  • (+39) 347 53 57 823
  • 00175 -Roma
    Italia

Il Teatro

Uno svago. Una vita.

Qualche foto

Lo sforzo disperato che compie l'uomo nel tentativo di dare alla vita un qualsiasi significato è teatro.

Eduardo De Filippo
  • Foto di gruppo del cast di Grispino er carzolaro, Compagnia il delfino
  • In posa con l'attrice Michela Kranner
  • In scena con Vincenzo Cicero e Fiammetta Veneziano. Compagnia del Delfino
  • Con Vincenzo Cicero
  • Saluti finali.
  • Messa in scena al Metateatro con la compagnia Maknè. Qui con Caterina Donini
  • Momenti della commedia.
  • Casa delle Culture, Saluti finali con Caterina Donini, Valentina Donini, Piero Sarpa
  • Commedia di Giovanni Clementi, messa in scena al Teatro Anfitrione con la Compagnia del Delfino. Nela scena con Antonio Maria Monaco
  • Con Antonio DiGirolamo.
  • Momento della commedia
  • Momento della commedia con Antonio Maria Monaco
  • In scena al Teatro in Portico con la Compagnia del Delfino. Qui con Maria Rachele Ruiu
  • Momenti della commedia.
  • Saluti finali
  • Tributo a Fred Buscaglione, serata musicale con Giuliano Baragli, Antonio Maria Monaco e Antonio DiGirolamo.
  • Messa in scena per il Premio Regia 2016, qui con Daria Mariotti
  • Messa in scena per il Premio Regia 2016, qui con Antonio DiGirolamo e Arianna Ferrucci.
  • Qualche Video

    Ringraziamo Iddio, noi attori, che abbiamo il privilegio di poter continuare i nostri giochi d'infanzia fino alla morte, che nel teatro si replica tutte le sere.

    Gigi Projetti
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Video
  • Le mie Commedie

    Un assaggio, e se vuoi te le scarichi, le metti in scena, le fai vivere.


    Una commedia per viaggiare

    Quando l'ispirazione si fa largo tra le pieghe della coscienza vigile, la fantasia sfonda le infinite porte della realtà oggettiva. Ed è qui che prende vita la storia. Trascinata dall'esplosività dell'impeto della scrittura, una commedia si fa largo tra i pilastri di una vita reale a volte insufficiente, e da voce a storie mai missute ma per sempre raccontate.
    Questo è il teatro.
    Una scatola di cui non si conosce il fondo, ma che ci attrae per la sua fragilità

    Una rapida lettura...

    Scena aperta. Buio. Lentamente si accendono le luci fuori della vetrata. Sono le sei del mattino. Poche sagome si intravedono, passano frettolose. Una di queste sagome si ferma di fronte alla porta e armeggia con la serratura. La porta si apre docilmente. Entra un uomo molto alto, anziano. I capelli bianchi e ben pettinati. Indossa una camicia con dei grandi quadri e sopra un gilet marrone aperto. I calzoni larghi ne appesantiscono la figura. Il cappotto è piegato su un braccio.
    Costrace - State tranquilli ragazzi, sono io.
    (parla lentamente)
    Pensavate fossi un ladro
    (si avvicina alla quinta di destra per accendere le luci. Poi appende il cappotto).
    E’ una bella mattinata oggi. L’aria è frizzante. Sono passato al forno per il pane di oggi, pare che il sindaco dia una cena.
    (si infila degli occhiali a mezzaluna e prende a lavorare su un pinocchio di legno)
    Una cena per i suoi assessori. Dice il fornaio che ha dovuto ordinare altra farina per far fronte alla richiesta. (Al pinocchio) Sta tranquillo, non sentirai niente. (dà piccoli colpi con un martelletto). Gli vorrà parlare di qualche tassa che ha escogitato per noi. (guarda da sopra gli occhiali verso le bambole) Non sembra che vi interessi molto. E già, tanto chi paga le tasse sono io, mica voi. Chissà come starete ridendo di me, voialtri. (porta il pinocchio sul lato opposto del tavolo) E tu sei a posto. E la prossima volta che perdi un piede te lo sostituisco con un martelli. (lo guarda in faccia) Ridi, ridi, tanto tu fai la bella vita (lo appoggia delicatamente sul tavolo).
    (Una sagoma bussa velocemente alla vetrata, l’uomo ha un sobbalzo)
    Costrace - (a voce alta) Non è un po’ presto per far entrare dei clienti? Cosa dite lo faccio entrare? Già, a voi cosa importa?
    (da fuori) - Signor Costrace, aprite, sono Filippo
    Costrace - Che vuoi a quest’ora del mattino?
    (da fuori) - Lettere per lei.
    Costrace - (tra se, mentre si alza per andare ad aprire) Lettere per me. E chi si arrischia a spendere soldi per scrivermi?
    (Apre la porta, entra un ragazzotto, in abiti da postino con una grossa sacca per le lettere)
    Filippo - Sto portando la posta al paese di sotto, siccome sono di strada, son passato prima da lei. (cerca le lettere)
    Costrace - (guardandosi intorno) Hai fatto bene, vuoi metterti un poco seduto?
    Filippo - No la ringrazio, sennò non faccio in tempo a finire il giro. Ho due colleghi in malattia e devo ancora fare quattro settori. (trova la lettera).
    Costrace - Però, un bel giro. E la signora Gina? Come va? Sempre in giro con la bici?
    Filippo - Eh, è molto che mia madre non gira più con la bici, alla sua età è difficile mantenere un equilibrio.
    Costrace - Ma va, che la signora Gina non è mica vecchia. Ma la ricordo ancora che correva su per la salita del carrione verso la chiesa.
    Filippo - Gli anni passano, signor Costrace
    Costrace - Gli anni passano, si ammucchiano e si mettono via, come vecchi cappelli. Ogni tanto se ne spolvera uno e si prova a metterselo, ma ci si accorge che la testa cambia troppo aspetto, o che ci ricordano cose inutilmente lontane.
    Filippo - Ora devo andare, o faccio tardi.
    Costrace - Vai vai, sbrigati.
    Filippo - Ci vediamo (esce e va a destra)
    Costrace - (Costrace lo segue fermandosi sull’uscio) Ci vediamo, ci vediamo. E salutami la signora Gina.
    (rientra e chiude la porta)
    Download La Bottega delle bambole
    La stanza in stile sobrio, leggermente in ombra. Al centro in fondo un camino spento. A sinistra una grande finestra semiaperta. A destra un tavolino tondo con sopra un lume acceso. Accanto al tavolo è seduta Assunta, donna magra e posata, veste di scuro. Legge un giornale alla luce del lume . Si sente il suono di un campanello. E’ sera.
    Assunta - (Verso fuori) Signora Teresa, potete andare ad aprire voi ?
    da fuori - State pure, ci penso io.
    Trascorre poco tempo, poi si sente bussare alla porta. senza attendere risposta entra Anna. Giovane, timorosa, indossa un cappotto leggero, ha i capelli legati indietro. Tra le mani un cappello sportivo.
    Anna - Vi disturbo ?
    Assunta - Oh siete voi.
    Anna - Sono venuta troppo presto ?
    Assunta - (Piegando il giornale) Bisogna saper misurare il tempo per poterle rispondere.
    Anna - Se vuole, posso aspettare.
    Assunta - Ma no, non c’è ragione. Stavo leggendo notizie ormai vecchie. Il giornale di domani avrà già smentito ogni articolo. Ma si metta seduta. (Le porge una sedia)
    Anna - Grazie. Ho fatto la strada con un po' di affanno.
    Assunta - C’è tanta urgenza?
    Anna - Paolo è già arrivato ?
    Assunta - (Sottolineando)Il signor Paolo arriverà tra poco. A proposito di tempo, lui sa rispettare un orario. D’altronde i giusti insegnamenti si riconoscono nella propria creatura. Nel modo in cui ti ascolta, ti osserva, il modo in cui risponde alle sollecitazioni. Si ricordi che i rapporti come questo sono pieni di sorprese.
    Anna - (Come ricordando) A proposito, questo cappello era vicino al cancello, per terra. Ho pensato fosse vostro. (Lo porge).
    Assunta - (Lo prende , sorride). E’ del signor Paolo. Gli deve essere caduto stamattina, è uscito di corsa. La mattina è sempre agitato, sfreccia per la casa in cerca degli oggetti più inutili ed io dietro di lui per abbottonargli la camicia o per legargli la cravatta. E così in tutta furia fino a che non varca il cancello, porgendomi un lieve saluto dalla strada.
    Anna - Lavoro ?
    Assunta - No, che diavolo. Cosa crede ?
    Anna - Mi scusi.
    Assunta - Che bisogno avrebbe il signor Paolo di lavorare ? E’ così fragile, delicato. Non c’è vento che non lo sbatta di qua e di là come un fuscello. E pensare che l’ho allevato con tante di quella attenzioni. Sono arrivata addirittura a gettarlo nell’acqua fredda della fontana nel parco pur di rinforzare il suo fisico gracile, per non fargli patire i mali dell’inverno. Soldi per curarsi non gliene mancherebbero, ma un o spirito libero come il suo non può legarsi alla monotonia di una cura riguardata.
    Download La nutrice
    Lucia - (impaurita)Chi c’è qui ?
    (Giulio non si muove, poi guadagna l’uscita, parlando sottovoce)
    Giulio - No basta, ti prego basta. (esce).
    (Lucia si guarda intorno poi ritorna fuori scena. Entrano in scena Gianna e Marta -madre e figlia- . E’ inverno fuori, indossano cappotti e guanti. Portano buste della spesa. Dopo, a seguire, entra Fabio -il padre- con una scatola molto pesante. In principio l’unica illuminazione sarà data dalla luce del corridoio).
    Gianna - Non si vede un accidente.
    Marta - Dov’è l’interruttore ?
    Gianna - Dovrebbe essere nel corridoio a sinistra.
    Marta - Vado io.(esce a destra. Suonano al citofono).
    Gianna - Rispondo io, appena scopro dov’é.
    (in quel momento si accende la luce.)
    Gianna - Trovato !(risponde)Chi è? (rimane in ascolto, poi apre il portone)
    Marta - (rientra) Certo che il colore me lo aspettavo diverso.
    Gianna - Te lo avevo detto che una volta steso cambiava.
    Marta - Dove ci si potrà sedere un attimo ? C’è solo quella sedia col telefono sopra.
    Gianna - Oh bhe, il telefono non è ancora allacciato, comunque quella sedia è troppo sporca.
    Marta - La spesa dove la mettiamo ?
    Gianna - In cucina, di là. (bussano)Apro io.
    (Lucia entra e va alla finestra, la apre, chiama)
    Lucia - Signor Follone ! Signor Follone !
    (Rispondono da fuori, in strada)
    - Signorina Lucia, dica.
    (Entra Fabio)
    Lucia - Me lo porta domani, poi, su il pane?
    - A che ora posso ?
    Lucia - Va bene alle otto ?
    - Sarà fatto.
    Lucia - Grazie tante (chiude la finestra e riesce)
    Marta - Papà, ti sei ricordato le tendine per lo specchio ?
    Fabio - Ma si, si.
    Gianna - Ma dai, pure le tendine per lo specchio ?
    Marta - L’ho visto su un giornale a casa di zia Marisa. Sono un’amore.
    Fabio - (prende in giro) L’ha da zia Marisa.
    Gianna - (c.s.)Ah va bene allora.
    Download La Porta
    Aria - Non è che tutta questa situazione mi faccia fare salti di gioia. Anzi non mi smuove più di tanto.
    Urlo – Parli bene tu.
    Aria – Non mi sto lamentando.
    Urlo – Figurati.
    Aria – Mi va bene così, solo non mi coinvolge.
    Urlo – Se pensi che mi stupisca, sei fuori strada.
    Aria – Ma tu che c’entri, chi ti ha chiamato.
    Urlo – Ricominciamo?
    Aria – Tu devi stare al tuo posto…
    Urlo – Già fatto, grazie. Sono qui, immobile.
    Aria - … e muto…
    Urlo – E tu non darmi senso. Sei tu che mi alimenti.
    Aria – Colpa mia, sempre colpa mia.
    Urlo – (Si copre le orecchie con le mani) Cera una volta una signora senza ciabatta…
    Aria – Io ragiono e rimugino e faccio pensieri…
    Urlo - …che quasi per caso, cadde in un pozzo secco…
    Aria – …e vedo il presente e ragiono sulla varietà della vita…
    Urlo – …si ruppe una gamba e guardò il cielo…
    Aria - …e mi preoccupo di tutto e di tutti.
    Urlo - …e ringraziò di non essersi sporcata le ciabatte che non aveva addosso.
    Aria – Che cosa.
    Urlo – Che cosa che?
    Aria – Cosa non aveva addosso?
    Urlo – Ti interessano le mie storie?
    Download La Seconda parte
    Fermo - Pioverà.
    Ancòra - Eccolo che ricomincia.
    Vado - Lascialo parlare.
    Fermo - Mi infastidisce.
    Ancòra - E dagli.
    Fermo - E se tira vento ?
    Ancòra - Si porterà via le nuvole e il sole splenderà sulla tua faccia idiota.
    Vado - Ma la vuoi finire ?
    Fermo - Bisogna fare attenzione al cambiare del tempo.
    Ancòra - Sai quanto me ne frega. Se piove ci bagneremo e scivoleremo e cadremo giù, ci sfracelleremo e tutto finirà. Se non piove, fine. Tutto come prima.
    Vado - Voi non capite la bellezza della pioggia. l’acqua che cade e pulisce tutto. Rinforza i campi e ripulisce l’aria. Ci fa veramente comodo, no ?
    Fermo - Tutto fa comodo alla causa, tutto.
    Pazzo - Zitti, mi infastidite. Ho bisogno di quiete.
    Ancòra - La quiete prima della tempesta.
    Fermo - Vuol dire che pioverà ?
    Pazzo - Spero per voi di si
    Vado - Anche a te piace la pioggia ?
    Pazzo - Che aria tira lassù ?
    Vado - Frizzante, respirabile, aria di vittoria.
    Fermo - La vittoria di chi ?
    Vado - La nostra, e di chi ci segue.
    Ancòra - M’era sembrato d’essere solo.
    Vado - Facciamo conoscere la nostra vittoria.
    Fermo - Converrebbe aspettare.
    Ancòra - Tutti insieme ?
    Vado - Certo, sennò non ha senso.
    (si alzano in piedi e allargano le braccia. Risuona un vocio e uno scroscio di applausi)
    Download La sfera